La formazione che conta

Venerdì ho avuto il piacere (inaspettato in verità!) di affiancare l’avv. Andrea Pontecorvo, Presidente dell’Associazione IusLaw e socio fondatore del CSPT, durante la diretta del convegno “PCT: novità alla luce della L.132/2015” tenutosi all’Aquila presso il Tribunale, da poco inaugurato dopo il terribile terremoto che lo danneggiò nel 2009.

Grandissima affluenza di pubblico per ascoltare alcuni dei più noti studiosi della materia, tutti membri del Direttivo del Centro Studi Processo Telematico: avv. Maurizio Reale , Consigliere Segretario dell’Ordine degli Avvocati di Teramo e Componente del Gruppo di lavoro della FIIF, avv. Fabrizio Sigillò, Presidente del CSPT e Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Catanzaro, avv. Adriana Augenti, Componente Commissione Informatica dell’Ordine di Bari, avv. Nicola Gargano, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati di Bari e Coordinatore Commissione informatica, avv. Patrizio Galeotti, Componente della Commissione Informatica dell’Ordine degli Avvocati di Bari. L’evento è stato organizzato dall’avv. Francesco Minazzi che ci spiega la motivazione della scelta di questa location: “E’ stato importante portare il Centro Studi Processo Telematico nel Tribunale dell’Aquila, ristrutturato dopo il grave sisma del 2009, per dare un sintomo forte di presenza dell’Associazione all’interno del circondario abruzzese.”

Affluenza anche “virtuale” vi è stata grazie al grande lavoro fatto dall’avv. Pontecorvo che ha approfittato dell’evento per testare un elaborato sistema di trasmissione in streaming tramite il live broadcasting di Youtube. Pontecorvo, con una semplice connessione in hotspot, ha permesso a diversi colleghi, dislocati in varie parti della penisola, di fruire delle relazioni degli illustri ospiti del convegno.

Questo tipo di divulgazione è sicuramente una novità per quanto riguarda la nostra categoria, che potrà seguire comodamente da studio o da casa gli eventi ed essere partecipe delle iniziative che il CSPT porterà in giro per l’Italia nei prossimi mesi.

Segnalo a tal proposito che a breve IusLaw partirà con una serie di eventi formativi (accreditati dal CNF) in materia di processo telematico, che – riportando le parole dell’avv. Pontecorvo -“non sarà solo processo civile telematico, ma anche processo tributario telematico, processo amministrativo telematico e processo penale telematico”.

L’evento ha visto, come dicevo, relazionare i più grandi esperti in materia: l’avv. Sigillò ha illustrato gli aspetti deontologici legati alla trasmissione dei dati tramite la rete, strizzando l’occhio ai problemi legati alla privacy negli studi legali; l’avv. Reale  ha affrontato il tema delle attestazioni di conformità in relazione al Dlgs 132/2015 sui vari tipi di documento informatico; l’avv. Augenti si è occupata delle notifiche a mezzo PEC; l’avv. Gargano, infine, ha effettuato una prova pratica di invio della busta telematica.

L’informatica negli studi legali è una realtà da diversi anni. Spesso il coordinamento tra le norme dei nostri codici e le nuove tecnologie è complicato. Mettiamoci anche che il legislatore produce a ritmo serrato soprattutto in questa materia e spesso non si ha il tempo di stare dietro a tutte le modifiche… Ecco perchè raccomando sempre di attingere le informazioni solo da siti “accreditati”.

Ve ne riporto alcuni qui sotto:

Centro Studi Processo Telematico

Maurizio Reale

IusLaw

Nicola Gargano

Francesco Minazzi

Buona lettura e buona formazione!

Rispondi